Io lo chiamo amore di Fabiola d'Amico [RECENSIONE]

Anche oggi continuo a parlarvi di nuove uscite e vi parlo dell'ultimo romanzo di Fabiola d'Amico



Trama:
Ethan Feldman è un impresario discografico, è sempre attorniato da donne bellissime e non può fare a meno di… portarsele a letto. Il giorno dopo però se ne tiene ben distante perché le considera capricciose, viziate e di umore ballerino. Patty Mc Oween, la sorella del più caro amico di Ethan, fa l’architetto e da un po’ di tempo lo detesta. Perché? Cos'è cambiato tra di loro? Ethan decide di svelare il mistero e cade così nella rete che Ale Miller, proprietaria della Cupido Agency, ha tessuto per lui, una rete fatta di equivoche tentazioni ed erotiche provocazioni...

Fabiola d'Amico-Biografia

è cresciuta ad Aspra, in provincia di Palermo, e vive a Bagheria. Il lavoro occupa gran parte del suo tempo ma appena può s’immerge nella lettura o nella scrittura. Con la Newton Compton ha pubblicato il suo primo romanzo, Un giorno da favola, Un matrimonio da favola e Amore per tre.
 ***
Recensione:
Ho ricevuto questo ebook dalla Newton Compton editore per ringrazio per l’invio.
Ethan, il protagonista del libro, è il classico dongiovanni incallito che non vuole una relazione seria, è belloccio,  ha successo nel lavoro e vuole divertirsi, non gli piace avere una donna sola ma preferisce assaggiarne* molte.
(*Assaggiare non è un termine messo a caso ma rappresenta il fatto che nel testo le donne vengono paragonate a del cibo.)
E’ un maschio alfa, sa di essere piacente e quindi fa il bello e il cattivo tempo con tutte, tanto è cosciente del fatto che senza nemmeno chiedere, loro cadranno ai suoi piedi.
Un giorno si rende conto che ama una ragazza che è la sorella del suo migliore amico, Klain, che tra l’altro conosce da anni, Patricia Mc Owen.
Quella sarà la sua ossessione per tutta la storia, l’uomo cerca di conquistare la donna che invece non sembra interessata ad avere una storia con lui e nemmeno la parentesi di una notte.
All’apparenza è così, ma Patty sa che  quello che prova è ben diverso, anche se non lo amette lei ne è follemente innamorata da anni, ma nasconde un segreto che non può rivelare a nessuno.
La storia continua con questo gioco tra di loro per quasi tutto il libro.
Ethan non è stato un personaggio che mi ha colpito positivamente, mi è sembrato troppo repentino il passaggio dal “non voglio implicazioni amorose” all’essere “follemente innamorato”. Non mi ha colpito molto devo essere sincera, mi sembrava un uomo che non deve chiedere mai, arrogante e soprattutto non si dà mai per vinto, non ha un attimo di cedimento nei confronti di Patricia, la vuole e l’avrà.
Patty, dal canto suo, fa di tutto per dissuadere l’uomo dal suo intento ma non ci riesce.
L’ho trovata una donna forte e combattiva, cresce da sola suo figlio e cerca di essere anche una donna desiderabile, anche se non ho apprezzato il fatto che lei sia stata così indecisa nel dire la verità a Ethan.
Una menzione particolare va ad “Aquila”, che è il nomignolo che il protagonista dà al proprio membro riproduttivo, all’inizio può sembrare anche una scelta carina e divertente, ma a lungo andare a me ha veramente stancato, doveva rimanere buono almeno un momento. :-)
Lo stile dell’autrice mi è piaciuto moltissimo, scorrevole, divertente, frizzante e ironico e questo mi ha sicuramente fatto appassionare alla storia che altrimenti avrei abbandonato.
Questo romanzo ci insegna come valutiamo in maniera differente le persone quando passano gli anni, prima magari non le apprezziamo poi invece ci possono sembrare diverse. Alcune volte è difficile superare il dolore che abbiamo provato e questo non si può dimenticare con un colpo di spugna.
 E solo noi sappiamo come ci si sente in certi momenti, ad essere rifiutate.
In alcuni casi, però, perdonare diventa necessario  e concediamo una seconda occasione, nella vita si possono commettere degli errori e si può chiedere scusa.
The Good
Lo stile divertente, frizzante e autoironico
Il personaggio di Patricia con il figlio jj e la nipote Danielle.
The Bad
Non ho amato la scelta di New York, un  po’ scontata
Sono tutti troppi ricchi e la storia in alcuni punti è prevedibile e il personaggio di Ethan è molto stereotipato
Troppe scene hot e troppa “Aquila”
La copertina che secondo me non rappresenta i personaggi
Recommend to
Chi ama i romance molto hot

Let's discuss
Vi piace che un romanzo sia ambientato a New York, Londra o Parigi o preferite una città italiana?

Nessun commento